Il 19 aprile 2014 il WSF Collective ha inaugurato il primo esperimento di co-working della Provincia nei locali del Qi, centro di aggregazione giovanile al numero 33 di corso Vittorio Emanuele II, a Cuneo: il “Qi-working”. 

Si tratta di un ufficio condiviso per gli startupper ed i liberi professionisti; per chi non riesce a far fronte a costi di affitto, bollette e costi connessi a computer, stampanti, software; per chi ha bisogno della giusta alternanza casa – lavoro; per i nomad workers di passaggio e per chi necessita di un proprio spazio fisso.

1

Il co-working è fornito di servizi essenziali quali wi-fi libero, sala riunioni, stampanti e scanner di rete, cucina, sala relax, bagno con docce ed uno spazio esterno per l’accoglienza, oltre a molti altri servizi accessori. Nel tardo pomeriggio-sera il circolo offre inoltre quotidianamente corsi, laboratori e molteplici attività culturali. Il “Qi-working”, con le sue dieci postazioni iniziali, si aggiunge ad una serie di servizi che fanno di questo centro il più poli-funzionale del capoluogo. Per valorizzare ulteriormente lo scambio di competenze e la partecipazione ad un progetto comune, si assegnano punteggi equivalenti a sconti a chi mette a disposizione degli altri il proprio tempo, offrendo corsi di formazione o servizi all’interno del circolo.

In tutto questo si è riusciti anche ad offrire agli utenti le tariffe più economiche in assoluto, 70 euro mensili comprensivi di tutte le spese (riscaldamento, acqua, luce, pulizie, internet), chiedendo in cambio un’entusiasta partecipazione all’accrescimento del progetto, per dimostrare che la provincia può crescere puntando realmente sulle proprie forze e sul know-how dei giovani che hanno il coraggio di puntare forte al tavolo del proprio futuro. 

Stampa

   

2